Ultime notizie
Home / Tematiche / Economia e innovazione / Pagamenti PA, ok alla compensazione crediti-cartelle di pagamento

Pagamenti PA, ok alla compensazione crediti-cartelle di pagamento

Via libera anche per il 2017 alle compensazioni, da parte delle imprese e dei professionisti, dei debiti delle cartelle esattoriali con gli eventuali crediti vantati verso la Pubblica Amministrazione.

E’ stato pubblicato nella Gazzetta Ufficiale, infatti, l’atteso decreto del Ministero dell’Economia e delle Finanze, che dà attuazione alla proroga per il 2017 di tale agevolazione.

Da lunedì 21 agosto 2017 le imprese e i lavoratori autonomi possono compensare i debiti delle cartelle esattoriali, relative ai carichi affidati agli agenti della riscossione entro il 31 dicembre 2016, con i crediti non prescritti, certi, liquidi ed esigibili, per somministrazioni, forniture, appalti e prestazioni professionali, maturati nei confronti delle amministrazioni pubbliche  e certificati, a patto che la somma iscritta a ruolo sia inferiore o pari al credito vantato. Per effettuare questa compensazione, il contribuente-creditore deve richiedere all’ente debitore, tramite un’apposita istanza, la certificazione del credito, relativamente al suo ammontare, il quale deve essere certo, liquido ed esigibile. L’istanza va presentata, utilizzando l’apposita Piattaforma dei crediti commerciali (Pcc),

L’ente debitore deve rispondere alla richiesta di certificazione del credito, entro 30 giorni dalla data di ricezione dell’istanza. Il contribuente-creditore, poi, deve presentare l’originale della certificazione all’agente della riscossione, il quale, dopo aver verificato la validità della stessa, dispone la compensazione, aggiornando la Piattaforma dei crediti commerciali (Pcc). L’agente della riscossione deve annotare l’importo del credito utilizzato in compensazione per il pagamento delle somme iscritto a ruolo sulla copia della certificazione rilasciata al contribuente-creditore. Il credito residuo, poi, potrà essere utilizzato, se la copia della certificazione è accompagnata dall’attestazione di avvenuta compensazione.

Per ogni necessità è possibile rivolgersi agli uffici della Confindustria Territoriale di riferimento.

Print Friendly, PDF & Email

Check Also

Avvio della II° edizione Piano Export Sud

Il Piano Export Sud II, denominato PES II, riguarda una dotazione finanziaria pari a euro …