Ultime notizie
Home / Tematiche / Ambiente e energia / Rifiuti o sottoprodotti? Dalla Cassazione alcune indicazioni

Rifiuti o sottoprodotti? Dalla Cassazione alcune indicazioni

Sono sottoprodotti quelle sostanze o quegli oggetti dei quali sin dall’inizio sia certa, e non eventuale, la destinazione al riutilizzo. E’ quanto affermato in una recente sentenza dalla Corte di Cassazione.

In particolare, i giudici hanno evidenziato come “la mancanza di certezze iniziali sull’intenzione del produttore/detentore del rifiuto di «disfarsene» e l’eventualità di un suo riutilizzo legata a pure contingenze, impedisce in radice che esso possa essere qualificato come «sottoprodotto»”.

Ne deriva che – ad avviso della Corte – il deposito di rifiuti da demolizione in attesa di un loro eventuale, e quindi non certo, riutilizzo è di per se la prova dell’incertezza iniziale sul loro riutilizzo, prima ancora della loro produzione.

Naturalmente, fermo restando il principio di carattere generale, la situazione va analizzata caso per caso ai fini della gestione regolare della situazione.

Per ogni approfondimento e necessità è possibile rivolgersi agli uffici della Confindustria Territoriale di appartenenza.

Print Friendly, PDF & Email

Check Also

Albo Gestori Ambientali – Disponibili i quiz verifica idoneità RT e le scadenze delle domande obbligatorie di iscrizione alle verifiche

I nuovi requisiti per la qualifica di responsabile tecnico per le iscrizioni all’Albo Gestori Ambientali …