Ultime notizie
Home / News tematiche / Edilizia e territorio / Gare, l’incameramento della cauzione come sanzione automatica del provvedimento di esclusione

Gare, l’incameramento della cauzione come sanzione automatica del provvedimento di esclusione

L’incameramento della cauzione provvisoria, secondo il Consiglio di Stato, è una conseguenza sanzionatoria del tutto automatica del provvedimento di esclusione, come tale non suscettibile di alcuna valutazione discrezionale con riguardo ai singoli casi concreti e in particolare alle ragioni meramente formali ovvero sostanziali che l’Amministrazione abbia ritenuto di porre a giustificazione dell’esclusione medesima.

Il Codice prevede che quando le dichiarazioni contenute nella domanda di partecipazione o nell’offerta circa il possesso dei requisiti di capacità non siano state comprovate dalla documentazione all’uopo presentata, per ciò stesso, le stazioni appaltanti procedono all’esclusione del concorrente dalla gara, alla escussione della relativa cauzione provvisoria e alla segnalazione del fatto all’Autorità.

Le misure discendenti dall’esclusione si rivelano strettamente vincolate e consequenziali alla verifica dell’omissione probatoria di cui si tratta, e prive di qualsivoglia contenuto discrezionale.

Una dichiarazione inaffidabile (perché falsa o incompleta) è già di per se stessa lesiva degli interessi considerati dalla normativa, a prescindere dal fatto che l’impresa meriti “sostanzialmente” di partecipare alla gara.

Il comportamento dell’Amministrazione dinanzi all’inosservanza dell’obbligo imposto in materia è vincolato alla verifica dell’inadempimento, senza che possa attribuirsi alcun rilievo al fatto che i requisiti da comprovare fossero in effetti posseduti.

Print Friendly, PDF & Email

Check Also

Regolarità fiscale negli appalti pubblici: le nuove regole sulle cause di esclusione dalle gare

Le violazioni fiscali non definitive rilevano come cause di esclusione dalle gare pubbliche solo se …