Ultime notizie
Home / Coronavirus / Emergenza COVID-19 (Coronavirus) – Adempimenti e strumenti a disposizione delle aziende per gestire casistiche di gestione rapporti lavoro, di sicurezza ed economiche

Emergenza COVID-19 (Coronavirus) – Adempimenti e strumenti a disposizione delle aziende per gestire casistiche di gestione rapporti lavoro, di sicurezza ed economiche

In relazione all’attuale situazione di emergenza a seguito della diffusione del COVID-19 (cosiddetto Coronavirus), si riepilogano di seguito una serie di indicazioni che l’azienda potrà adottare per tutelare l’impresa stessa ed i propri collaboratori e ridurre le circostanze di contagio nonché gli strumenti, ad oggi applicabili, per fronteggiare gli effetti economici e finanziari della stessa emergenza.

Gli uffici delle Confindustria Territoriale di riferimento restano a disposizione per ogni supporto ed assistenza nelle varie procedure e per ogni necessità.

Si procederà a fornire con tempestività ogni utile aggiornamento in merito.

COVID-19 (Coronavirus)

– INDICAZIONI OPERATIVE –

Misure preventive

L’azienda potrà mettere a disposizione dei lavoratori dispositivi di protezione adeguati ad evitare il contagio: esempio, guanti e mascherine protettive, erogatori di disinfettante antibatterico.

Inoltre, dovrà provvedere a far rispettare le procedure per una accurata pulizia dei luoghi di lavoro, con prodotti disinfettanti atti allo scopo.

Il lavoratore dovrà attenersi alle comuni misure preventive, quali la cura dell’igiene della persona e dell’ambiente di lavoro e l’attenzione nel tenersi distanti da persone con sintomi influenzali.

– STRUMENTI PER LE AZIENDE –

Smart-working

Per le attività realizzabili da remoto o a distanza, l’azienda può, in tutto il territorio nazionale attivare automaticamente la modalità di lavoro agile (c.d. smart-working) ai propri dipendenti, anche in assenza di un accordo individuale.

L’accordo individuale è sostituito da un’autocertificazione che il lavoro agile si riferisce ad un soggetto appartenente a una delle aree a rischio.

Ammortizzatori sociali

Le aziende con almeno 5 dipendenti e quelle già rientrati nel campo di applicazione degli strumenti ordinari, possono già accedere alle misure esistenti per superare la fase di criticità.

E’ in discussione un provvedimento con il quale si dovrebbe estendere l’utilizzo degli ammortizzatori sociali nei confronti di tutte le aziende e di tutti i settori ad oggi esclusi da strumenti a sostengo del reddito.

Tali interventi in deroga dovrebbero avere una durata prevista di 3 mesi ed essere rivolti alle aziende con meno di 5 dipendenti ovvero rientranti in settori ad oggi esclusi dagli strumenti ordinari.

La misura sarà applicabile sulla base dei termini e delle modalità operative che saranno rese note dagli Enti preposti.

Malattia

Qualora il lavoratore sia obbligato dalle Aziende Sanitarie Territoriali, a misure di permanenza domiciliare con sorveglianza attiva si potrà ricorrere all’intervento della malattia, seppur in assenza di una espressa previsione normativa in merito.

In caso di necessità di certificazione ai fini INPS per l’assenza dal lavoro, si potrà procedere a rilasciare una dichiarazione indirizzata all’INPS, al datore di lavoro e al medico di medicina generale o al pediatra di libera scelta in cui si dichiara che per motivi di sanità pubblica è stato posto in quarantena, specificandone la data di inizio e fine.

Quarantena volontaria

Qualora il lavoratore evidenzi la necessità di porsi in quarantena volontaria, per aver sostato in uno dei Comuni della ZONA ROSSA ovvero per aver avuto contatti con persone contagiate virus, e si trovi in attesa del responso da parte del Dipartimento di prevenzione dell’Azienda Sanitaria, si potranno, in tale fase, utilizzare le ferie, i permessi ovvero altri istituti contrattuali. Qualora il responso dell’Azienda Sanitaria sia positivo, l’assenza potrà essere rimodulata in malattia nei termini di legge.

Tempo determinato per sostituzione

Qualora vi sia un lavoratore che, per motivi sanitari, sia stato sottoposto a quarantena, l’azienda potrà procedere ad assumere, a tempo determinato, un altro lavoratore in sostituzione ai sensi delle norme vigenti.

– SINTESI DEI PROVVEDIMENTI DI LEGGE ED AI RINVII DI SCADENZE NORMATIVE –

PER TUTTA LA NAZIONE

Dichiarazione dei redditi precompilata 2020

Previsto il rinvio al 31 marzo dei termini.

Sospensione di versamenti, ritenute, contributi e premi per il settore turistico-alberghiero

Per le imprese turistico-ricettive, le agenzie di viaggio e turismo e i tour operator, sono sospesi dal 2 marzo 2020 al 30 aprile 2020:

  1. i termini relativi ai versamenti delle ritenute alla fonte, di cui agli articoli 23, 24 e 29 del D.P.R. n. 600/1973, che i predetti soggetti operano in qualità di sostituti d’imposta;
  2. i termini relativi agli adempimenti e ai versamenti dei contributi previdenziali e assistenziali e dei premi per l’assicurazione obbligatoria.

I versamenti saranno effettuati, senza applicazione di sanzioni ed interessi, in un’unica soluzione entro il 31 maggio 2020.

PER I SOLI COMUNI FACENTI PARTE DELLA “ZONA ROSSA”

Bertonico, Casalpusterlengo, Castelgerundo, Castiglione D’Adda, Codogno, Fombio, Maleo, San Fiorano, Somaglia, Terranova dei Passerini, Vo’.

Bollette

Sospensione fino al 30 aprile 2020 dei pagamenti delle utenze relative all’energia elettrica, acqua e gas.

Contributi previdenziali e assistenziali

Sospensione fino al 1° maggio 2020 dei termini relativi agli adempimenti e ai versamenti dei contributi previdenziali e assistenziali e dei premi per l’assicurazione obbligatoria in scadenza nel periodo dal 23 febbraio 2020 al 30 aprile 2020.

Sarà possibile riprendere gli adempimenti dal 1° maggio 2020 anche mediante rateizzazione, fino a un massimo di cinque rate mensili di pari importo, senza applicazione di sanzioni e interessi.

Misure in favore dei beneficiari di mutui agevolati

I soggetti beneficiari dei mutui agevolati concessi dall’Agenzia nazionale per l’attrazione degli investimenti e lo sviluppo d’impresa S.p.A. (Invitalia), possono beneficiare della sospensione di 12 mesi del pagamento delle rate con scadenza non successiva al 31 dicembre 2020 e di un corrispondente allungamento della durata dei piani di ammortamento. I suddetti benefici si applicano anche nel caso in cui sia stata già adottata da Invitalia la risoluzione del contratto di finanziamento agevolato in ragione della morosità nella restituzione delle rate, purché il relativo credito non risulti già iscritto a ruolo ovvero non siano incardinati contenziosi per il recupero dello stesso. Invitalia, su richiesta dei soggetti beneficiari, da presentare entro il 1° maggio 2020, procede, nel rispetto della normativa europea in materia di aiuti di Stato, alla ricognizione del debito, comprensivo di sorte capitale e interessi, da rimborsare al tasso di interesse legale e con rate semestrali posticipate. Le disposizioni si applicano anche alle rate di pagamento con scadenza non successiva al 31 dicembre 2020 relative alle transazioni già perfezionate con Invitalia al 2 marzo 2020.

Sospensione di termini per versamenti assicurativi e alle camere di commercio

Sono sospesi:

  1. fino al 30 aprile 2020, i termini per i versamenti riferiti al diritto annuale di cui all’articolo 18 della legge 29 dicembre 1993, n. 580;
  2. fino al 30 aprile 2020, i termini di pagamento delle sanzioni amministrative per le imprese che presentano in ritardo:

1) le domande di iscrizione alle camere di commercio;
2) le denunce di cui all’articolo 9 del decreto del Presidente della Repubblica 7 dicembre 1995, n. 581;
3) il modello unico di dichiarazione previsto dalla legge 25 gennaio 1994, n. 70;
4) la richiesta di verifica periodica degli strumenti di misura ed il pagamento della relativa tariffa.

I pagamenti sospesi ai sensi del comma 1, sono effettuati in un’unica soluzione entro il mese successivo al termine del periodo di sospensione.

Articolo 8 – Per le imprese turistico-ricettive, le agenzie di viaggio e turismo e i tour operator, restano ferme le disposizioni di cui all’articolo 1, comma 3, del decreto del Ministro dell’Economia e delle Finanze 24 febbraio 2020.

Norme speciali in materia di trattamento ordinario di integrazione salariale e assegno ordinario

I datori di lavoro che presentano domanda di concessione del trattamento ordinario di integrazione salariale o di accesso all’assegno ordinario, per sospensione o riduzione dell’attività lavorativa, per unità produttive site nei comuni facenti parte della “zona rossa”, in conseguenza dell’emergenza epidemiologica, sono dispensati dall’osservanza dell’articolo 14 del decreto legislativo 14 settembre 2015 n. 148 e dei termini del procedimento previsti dagli articoli 15, comma 2, e 30, comma 2, del predetto decreto legislativo, nonché, per l’assegno ordinario, dall’obbligo di accordo, ove previsto.

Le medesime condizioni si applicano alle domande presentate da datori di lavoro per unità produttive al di fuori dei comuni facenti parte della “zona rossa”, in riferimento ai lavoratori già residenti o domiciliati nei predetti comuni e impossibilitati a prestare la propria attività lavorativa.

La domanda, in ogni caso, deve essere presentata entro la fine del quarto mese successivo a quello in cui ha avuto inizio il periodo di sospensione o di riduzione dell’attività lavorativa, che in ogni caso non può essere superiore a 3 mesi.

I periodi di trattamento ordinario di integrazione salariale e assegno ordinario, esclusivamente per il riconoscimento dei medesimi, non sono conteggiati ai fini delle durate massime complessive, previste dall’articolo 4, commi 1 e 2, del decreto legislativo 14 settembre 2015 n. 148 e dei limiti previsti dagli articoli 12, 29 commi 3 e 4, 30, comma 1, e 39 del decreto legislativo 14 settembre 2015 n. 148.

Le prestazioni di sostegno al reddito summenzionate sono riconosciute nel limite massimo di spesa pari a 5,8 milioni di euro per l’anno 2020.

L’assegno ordinario è concesso anche ai lavoratori dipendenti presso datori di lavoro iscritti al Fondo di integrazione salariale (FIS) che occupano mediamente più di 5 dipendenti. Al predetto trattamento non si applica il tetto aziendale di cui all’articolo 29, comma 4, secondo periodo, del decreto legislativo 14 settembre 2015 n. 148.

I lavoratori destinatari devono risultare alle dipendenze dei datori di lavoro richiedenti la prestazione alla data del 23 febbraio 2020.

L’Istituto nazionale della previdenza sociale (INPS) provvede al monitoraggio dei limiti di spesa. Qualora dal predetto monitoraggio emerga che è stato raggiunto anche in via prospettica il limite di spesa, l’INPS non prende in considerazione ulteriori domande.

Trattamento ordinario di integrazione salariale per le aziende che si trovano già in Cassa integrazione straordinaria

Le aziende site nei comuni facenti parte della “zona rossa”, che alla data del 23 febbraio 2020, hanno in corso un trattamento di integrazione salariale straordinario, previa adozione da parte del Ministero del Lavoro di un decreto di interruzione degli effetti del predetto trattamento, possono presentare domanda di concessione del trattamento ordinario di integrazione salariale ai sensi dell’articolo 13, per un periodo in ogni caso non superiore a 3 mesi.

La concessione del trattamento ordinario di integrazione salariale è subordinata all’interruzione degli effetti della concessione della cassa integrazione straordinaria precedentemente autorizzata.

Cassa integrazione in deroga

I datori di lavoro del settore privato, compreso quello agricolo, con unità produttive site nei comuni facenti parte della “zona rossa”, nonché i datori di lavoro che non hanno sede legale o unità produttiva od operativa nei comuni suddetti, limitatamente ai lavoratori in forza residenti o domiciliati nei predetti comuni, per i quali non trovino applicazione le tutele previste dalle vigenti disposizioni in materia di sospensione o riduzione di orario, in costanza di rapporto di lavoro, possono presentare domanda di cassa integrazione salariale in deroga, per la durata della sospensione del rapporto di lavoro e comunque per un periodo massimo di 3 mesi a decorrere dalla data del 23 febbraio 2020.

Per i lavoratori è assicurata la contribuzione figurativa e i relativi oneri accessori.

Sono esclusi i datori di lavoro domestico.

Il trattamento è riconosciuto nel limite massimo di spesa pari a 7,3 milioni di euro per l’anno 2020 e limitatamente ai dipendenti in forza alla medesima data del 23 febbraio 2020.

I trattamenti sono concessi con decreto delle Regioni interessate, da trasmettere all’INPS in modalità telematica entro 48 ore dall’adozione.

Le Regioni, unitamente al decreto di concessione, inviano la lista dei beneficiari all’INPS, che provvede all’erogazione delle predette prestazioni. Le domande sono presentate alla Regione, che le istruisce secondo l’ordine cronologico di presentazione delle stesse.

Il trattamento può essere concesso esclusivamente con la modalità di pagamento diretto della prestazione da parte dell’INPS.

Indennità lavoratori autonomi

In favore dei collaboratori coordinati e continuativi, dei titolari di rapporti di agenzia e di rappresentanza commerciale e dei lavoratori autonomi o professionisti ivi compresi i titolari di attività di impresa, iscritti all’assicurazione generale obbligatoria e alle forme esclusive e sostitutive della medesima, nonché alla gestione separata e che svolgono la loro attività lavorativa alla data del 23 febbraio 2020 nei comuni facenti parte della “zona rossa”, o siano ivi residenti o domiciliati alla medesima data, è riconosciuta un’indennità mensile pari a 500 euro per un massimo di 3 mesi e parametrata all’effettivo periodo di sospensione dell’attività.

L’indennità non concorre alla formazione del reddito.

Il trattamento è concesso con decreto della Regione interessata, da trasmettere all’INPS in modalità telematica entro 48 ore dall’adozione, nel limite di spesa complessivo di 5,8 milioni di euro per l’anno 2020. Le Regioni, unitamente al decreto di concessione, inviano la lista dei beneficiari all’INPS, che provvede all’erogazione delle predette prestazioni. Le domande sono presentate alla Regione, che le istruisce secondo l’ordine cronologico di presentazione delle stesse.

Cassa integrazione in deroga per Lombardia, Veneto ed Emilia-Romagna

Al di fuori dei casi di cui all’articolo 15, le Regioni Lombardia, Veneto ed Emilia-Romagna, con riferimento ai datori di lavoro del settore privato, compreso quello agricolo, con unità produttive ivi situate, nonché ai datori di lavoro che non hanno sede legale o unità produttiva od operativa in dette Regioni, limitatamente ai lavoratori in forza residenti o domiciliati nelle predette regioni, per i quali non trovino applicazione le tutele previste dalle vigenti disposizioni in materia di sospensione o riduzione di orario, in costanza di rapporto di lavoro, possono riconoscere, limitatamente ai casi di accertato pregiudizio, in conseguenza delle ordinanze emanate dal Ministero della Salute, d’intesa con le regioni, nell’ambito dei provvedimenti assunti con il decreto legge 23 febbraio 2020, n. 6 e previo accordo con le organizzazioni sindacali comparativamente più rappresentative, trattamenti di cassa integrazione salariale in deroga, per la durata della sospensione del rapporto di lavoro e comunque per un periodo massimo di un mese e fino a un importo massimo, per l’anno 2020, pari a 135 milioni di euro per la regione Lombardia, 40 milioni di euro per la regione Veneto e a 25 milioni di euro per la regione Emilia Romagna.

Per i lavoratori è assicurata la contribuzione figurativa e i relativi oneri accessori.

La prestazione, limitatamente ai lavoratori del settore agricolo, per le ore di riduzione o sospensione delle attività, nei limiti ivi previsti, non può essere equiparata a lavoro ai fini del calcolo delle prestazioni di disoccupazione agricola.

Sono esclusi i datori di lavoro domestico.

Il trattamento è riconosciuto nel limite massimo di un mese a valere sulle risorse, assegnate alle regioni e non utilizzate, di cui all’articolo 44, comma 6-bis, del decreto legislativo 14 settembre 2015 n. 148, anche in alternativa alle azioni di politica attiva del lavoro previste nel predetto articolo, a decorrere dal 23 febbraio 2020 e limitatamente ai dipendenti in forza alla medesima data.

I trattamenti sono concessi con decreto delle Regioni interessate, da trasmettere all’INPS in modalità telematica entro 48 ore dall’adozione, la cui efficacia è in ogni caso subordinata alla verifica del rispetto dei limiti di spesa.

Le regioni, unitamente al decreto di concessione, inviano la lista dei beneficiari all’INPS, che provvede all’erogazione delle predette prestazioni, previa verifica del rispetto, anche in via prospettica, dei limiti di spesa.

Le domande sono presentate alla regione, che le istruisce secondo l’ordine cronologico di presentazione delle stesse.

Fondo garanzia PMI

Fino al 1° marzo 2021, in favore delle piccole e medie imprese, ivi comprese quelle del settore agroalimentare, con sede o unità locali ubicate nei territori dei comuni facenti parte della “zona rossa”, la garanzia del Fondo di cui all’articolo 2, comma 100, lettera a), della legge 23 dicembre 1996, n. 662, è concessa, a titolo gratuito e con priorità sugli altri interventi, per un importo massimo garantito per singola impresa di 2.500.000 euro.

Per gli interventi di garanzia diretta la percentuale massima di copertura è pari all’80% dell’ammontare di ciascuna operazione di finanziamento.

Per gli interventi di riassicurazione la percentuale massima di copertura è pari al 90% dell’importo garantito dal Confidi o da altro fondo di garanzia, a condizione che le garanzie da questi rilasciate non superino la percentuale massima di copertura dell’80%.

Le disposizioni si applicano nel rispetto della normativa europea e nazionale in materia di aiuti di Stato.

Misure per il settore agricolo

Al fine di assicurare la ripresa economica e produttiva alle imprese agricole ubicate nei comuni facenti parte della “zona rossa”, che abbiano subito danni diretti o indiretti, sono concessi mutui a tasso zero, della durata non superiore a 15 anni, finalizzati alla estinzione dei debiti bancari, in capo alle stesse, in essere al 31 gennaio 2020.

Sono previsti, inoltre:

  • la sospensione di manifestazioni, eventi e spettacoli di qualsiasi natura, inclusi quelli cinematografici e teatrali;
  • il rinvio di convegni e congressi;
  • la sospensione di eventi e competizioni sportive di ogni ordine e disciplina;
  • la chiusura di scuole e università fino al 15 marzo.

FONDIMPRESA ha comunicato la SOSPENSIONE di tutte le attività formative d’aula dal 6 al 15 marzo 2020 compresi. In caso di effettuazione di attività formative in tale periodo, le stesse non saranno ritenute ammissibili a finanziamento.

Nell’ambito delle misure di INFORMAZIONE e PREVENZIONE sull’intero territorio nazionale, si è stabilito:

  • la raccomandazione a tutte le persone anziane o affette da patologie croniche immunodepresse, di evitare di uscire dalla propria abitazione fuori dai casi di stretta necessità e di evitare comunque luoghi affollati;
  • – la previsione di interventi straordinari di sanificazione dei mezzi da parte delle aziende di trasporto pubblico anche a lunga percorrenza;
  • l’obbligo di comunicazione alla Azienda Sanitaria ed al medico di medicina generale, da parte di chiunque, negli ultimi 14 giorni, abbia soggiornato in zone a rischio epidemiologico o sia transitato e abbia sostato nei comuni della zona rossa. In tali casi i servizi di sanità pubblica provvedono alla prescrizione della permanenza domiciliare, fornendo tutte le informazioni e prescrizioni necessarie e monitorando quotidianamente la persona posta in sorveglianza sanitaria.
Print Friendly, PDF & Email

Check Also

Sgravio contributivo per assunzioni titolari di assegno di ricollocazione: diramate le istruzioni operative

Fornite dall’INPS le istruzioni operative dell’esonero contributivo riconosciuto a chi assume titolari di assegno di …

This function has been disabled for Unindustria Calabria.