Ultime notizie
Home / News tematiche / Lavoro, relazioni industriali e welfare / Industria plastica e gomma: operativo, dal 1° gennaio 2021, l’accordo di rinnovo C.C.N.L. – Dal 1° gennaio 2021 varia anche la retribuzione

Industria plastica e gomma: operativo, dal 1° gennaio 2021, l’accordo di rinnovo C.C.N.L. – Dal 1° gennaio 2021 varia anche la retribuzione

Dal 1° gennaio 2021 è diventato operativo il C.C.N.L. Plastica e Gomma e pertanto riteniamo opportuno ricordare che il 16 settembre 2020 è stato raggiunto l’accordo per il rinnovo del C.C.N.L. 10/12/2015 per gli addetti all’industria della gomma cavi elettrici ed affini e all’industria delle materie plastiche.

Il C.C.N.L. decorre dal 1° luglio 2019 al 31 dicembre 2022 ma per il periodo 1° luglio 2019 – 31 dicembre 2020 le Parti hanno stabilito di confermare tutte le disposizioni economiche e normative del C.C.N.L. 10 dicembre 2015. Fatte salve le diverse decorrenze eventualmente previste, le parti hanno stabilito che le nuove disposizioni nonchè le modifiche apportate ai singolo istituti contrattuali decorrono dal 1° gennaio 2021.

Evidenziamo che non sono previsti oneri a carico delle imprese per il 2020 e che le nuove disposizioni e gli incrementi retributivi decorrono dal 1° gennaio 2021.

Variazioni tabella retributiva

Sono previste due variazioni: dal 1° gennaio 2021 e dal 1° gennaio 2022.

Indennità sostitutiva del premio di risultato

A partire dal 1° gennaio 2022, l’indennità sostitutiva del premio di risultato di cui all’allegato 1 del C.C.N.L. sarà erogata in tutte le realtà aziendali che, nei tre anni precedenti, non abbiano realizzato o applicato la contrattazione del premio di risultato.

Indennità turno notturno

L’indennità in cifra fissa di cui all’art. 12, comma 5, del C.C.N.L., prevista per ogni turno notturno prestato nell’ambito dei turni avvicendati sarà riproporzionata all’effettiva prestazione svolta.

Conto ore

E’ stata prevista la possibilità di definire a livello aziendale con la RSU e/o organizzazioni sindacali territoriali una diversa percentuale di recupero delle ore di straordinario effettuate dal lavoratore.

Classificazione del personale

Le Parti hanno convenuto di costituire entro sei mesi dalla sottoscrizione dell’Accordo la Commissione Paritetica Nazionale per la revisione del sistema di classificazione che durante la vigenza del contratto collettivo lavori ad una ipotesi di revisione dell’attuale sistema classificatorio.

A partire dal 1° gennaio 2021, i lavoratori inquadrati al livello I dell’area produzione, con posizione professionale di addetti alla conduzione di macchine di produzione o all’esecuzione di operazioni di montaggio ed assemblaggio di prodotti, saranno inquadrati al livello H dopo il superamento del periodo di prova.

Banca delle ore solidale

Le Parti si sono impegnate a definire, entro sei mesi dalla sottoscrizione dell’Accordo, linee guida per la Banca delle ore solidale prevista dall’articolo 24 del decreto legislativo 14 settembre 2015, n. 151, quale strumento di indirizzo per le singole regolamentazioni che possono essere adottate in sede aziendale.

Altri interventi di carattere normativo

E’ stata prevista la riduzione dei tempi di programmazione dei permessi di cui all’art. 33 della legge 104/1992 da tre mesi ad un mese.

Sono state escluse dal riproporzionamento delle ROL le giornate di visita e i ricoveri per terapie oncologiche, degenerative, salvavita e il periodo di maternità anticipata per gravidanza a rischio o per mansioni incompatibili con la gravidanza.

Le trasformazioni del contratto di lavoro a tempo parziale per i lavoratori affetti da malattie oncologiche o da gravi patologie degenerative di cui all’art. 8, comma 3, del decreto legislativo 81/2015, non saranno computate nel limite contrattualmente previsto del 3% delle domande di trasformazione.

E’ stata elevata da 5 a 10 mesi l’aspettativa non retribuita che il lavoratore può richiedere per un continuativi gravi eventi morbosi superato il periodo di comporto.

E’ stato riconosciuto il diritto ad usufruire di orari di lavoro flessibile ai familiari fino al primo grado di studenti del primo ciclo dell’istruzione con DSA ai sensi dell’art. 6 della Legge 8 ottobre 2010, n. 170, tenuto conto delle esigenze organizzative e produttive.

In materia di relazioni industriali sono stati previsti interventi migliorativi sull’Osservatorio nazionale, è stata costituita la Commissione Paritetica Contrattuale Nazionale Salute Sicurezza e Ambiente ed è stato rinominato il Titolo V nel quale è confluito il paragrafo B. Prevenzione, Sicurezza sul lavoro e Ambiente precedentemente inserito del Titolo I Relazioni Industriali a livello nazionale.

La nuova tabella retributiva è disponibile presso gli uffici delle sedi territoriali di riferimento o reperibile, per il periodo della sua validità, su questo stesso sito internet nell’Area Riservata “Tabelle Retributive”.

Per ogni altra informazione, gli uffici della sede Territoriale di riferimento sono a disposizione per ogni informazione o necessità.

Print Friendly, PDF & Email

Check Also

Trattamento di fine rapporto: indici di rivalutazione Gennaio 2021

A gennaio 2021, in base ai nuovi sistemi di calcolo introdotti dall’Istat, l’indice in base …