Ultime notizie
Home / News tematiche / Economia e innovazione / Banche: dal 1° gennaio 2021 in vigore la nuova definizione di Default

Banche: dal 1° gennaio 2021 in vigore la nuova definizione di Default

Le regole, applicate da tutte le banche, a partire dal prossimo 1 gennaio 2021, salvo eventuali proroghe, prevedono l’automatica classificazione in default (stato di inadempienza) delle imprese con pagamenti arretrati superiori per oltre 90 giorni a 500 euro (riferiti a uno o più finanziamenti) e che rappresentino più dell’1% del totale di tutte le esposizioni (capitale, interessi e commissioni) verso la banca.

Cosa cambia per le imprese

Le disposizioni in vigore fino al 31 dicembre 2020 prevedono l’automatica classificazione in default delle imprese che presentano arretrati di pagamento rilevanti per oltre 90 giorni consecutivi sulle esposizioni che esse hanno nei confronti della propria banca (Normativa detta “Past Due”).

Le nuove regole europee introducono una nuova definizione di default, quantificando il concetto di arretrato rilevante, ossia la soglia oltre la quale l’impresa deve essere obbligatoriamente classificata in default. La banca sarà tenuta a determinare l’inadempienza dell’impresa se la stessa è in arretrato di pagamento, per oltre 90 giorni, su importi di ammontare superiore a 500 euro (complessivamente riferiti a uno o più finanziamenti) e che rappresentino più dell’1% del totale delle esposizioni di un’impresa verso la banca.

Inoltre, diversamente dal passato, non potranno essere utilizzati margini attivi dell’impresa disponibili su altre linee di credito per compensare gli arretrati in essere (es. fidi di cassa per saldare una rata arretrata sulla stessa banca) ed evitare di classificare l’impresa come inadempiente.

La classificazione dell’impresa in stato di default, anche in relazione ad un solo finanziamento, comporta il passaggio in default di tutte le sue esposizioni nei confronti della banca.

Per non essere più “inadempiente” il cliente deve regolarizzare l’arretrato e devono essere passati almeno 90 giorni dal pagamento. Dopo 90 gg il cliente non sarà più classificato in default.

Gli enti regolatori europei vogliono eliminare il problema dei crediti deteriorati con interventi e tempistiche di attuazione stringenti, che potrebbero vanificare i passi che molte banche italiane stanno facendo nell’ottica di una sana gestione del credito.

In tale situazione le PMI italiane devono continuare a guardare la banca come un interlocutore strategico, con cui dialogare con professionalità, trasparenza e soprattutto con tutte le informazioni necessarie per farsi scegliere dalla banca.

Risulta fondamentale per le imprese: rispettare le scadenze; pianificare entrate e uscite; controllare mensilmente Centrale Rischi; in caso di difficoltà dialogare in anticipo con la banca.

Il supporto di Unindustria Calabria

Unindustria Calabria mette a disposizione delle imprese i propri esperti e Bancopass, strumento gratuito che supporta le imprese, in particolare quelle di piccole e medie dimensioni e le startup, nella pianificazione finanziaria e in un accesso più veloce alle fonti di finanziamento più adatte a rispondere alle esigenze individuate e che permette facilmente di controllare e leggere anche mensilmente la Centrale rischi della propria impresa.

Richiedi e attiva l’utenza Bancopass per sfruttare al meglio anche tutte le altre funzioni (report economico-finanziari, costruzione guidata di business plan, analisi di posizionamento rispetto al settore e ai concorrenti, calcolare il valore economico e monitoraggio degli indici dell’Allerta d’impresa).

Per maggiori informazioni contatta la territoriale di riferimento.

Print Friendly, PDF & Email

Check Also

Voucher TEM digitali: bando 2021

Il Decreto del Ministero degli Esteri del 18 agosto 2020 ha rinnovato l’erogazione del voucher …