Ultime notizie
Home / News tematiche / Edilizia e territorio / Bonus Irpef e Ires del 75% per eliminare le barriere architettoniche degli edifici esistenti

Bonus Irpef e Ires del 75% per eliminare le barriere architettoniche degli edifici esistenti

Via libera da parte della legge di Bilancio 2022, alla nuova detrazione Irpef e Ires del 75% sugli interventi necessari per il superamento e l’eliminazione delle barriere architettoniche degli edifici esistenti, con una probabile limitazione per gli edifici costituiti da un’unica unità immobiliare non unifamiliare.

Per le spese «sostenute» (con il principio di cassa per i privati o di competenza per le imprese) dal 1º gennaio 2022 al 31 dicembre 2022 per la realizzazione di interventi direttamente finalizzati al superamento e all’eliminazione di barriere architettoniche in edifici già esistenti da parte dei «contribuenti» (senza nessuna distinzione tra soggetti Ires ed Irpef), è riconosciuta una detrazione dall’imposta lorda, fino a concorrenza del suo ammontare e da ripartire in 5 quote annuali di pari importo, del 75% su un ammontare complessivo di spesa agevolata non superiore a:

  • 50mila euro per gli edifici unifamiliari o per le unità immobiliari situate all’interno di edifici plurifamiliari che siano funzionalmente indipendenti e dispongano di uno o più accessi autonomi dall’esterno;
  • 40mila euro moltiplicati per il numero delle unità immobiliari che compongono l’edificio per gli edifici composti da due a otto unità immobiliari;
  • 30mila euro moltiplicati per il numero delle unità immobiliari che compongono l’edificio per gli edifici composti da più di otto unità immobiliari.

La nuova detrazione Irpef e Ires del 75% spetta anche per gli interventi di automazione degli impianti degli edifici e delle singole unità immobiliari funzionali ad abbattere le barriere architettoniche, nonché, in caso di sostituzione dell’impianto, per le spese relative allo smaltimento e alla bonifica dei materiali e dell’impianto sostituito.

Relativamente alla tipologia delle unità immobiliari su cui è possibile effettuare i lavori agevolati, solo nella parte della norma relativa ai limiti di spesa massima, è possibile individuare alcune limitazioni.

Non sembra, infatti, agevolata la singola unità immobiliare non unifamiliare, che costituisce un unico edificio, come ad esempio un capannone, un negozio o un ufficio, che costituiscono un edificio con un’unica unità immobiliare. Invece, sono agevolati gli «edifici composti da due» o più unità immobiliari, con qualunque destinazione d’uso, abitativa o meno.

Anche per la nuova detrazione del 75% per il superamento ed eliminazione di barriere architettoniche, prevista solo per il 2022, è possibile fare l’opzione per la cessione del credito o per lo sconto in fattura dei crediti.

Print Friendly, PDF & Email

Check Also

Semplificate le demolizioni e ricostruzioni nelle aree vincolate

Sono in vigore dal 29 aprile 2022 le nuove disposizioni che modificano le norme contenute …