Ultime notizie
Home / News tematiche / Economia e innovazione / Bando Simest sull’Internazionalizzazione e digitalizzazione (riapertura del Fondo 394 ) – Risorse ancora disponibili

Bando Simest sull’Internazionalizzazione e digitalizzazione (riapertura del Fondo 394 ) – Risorse ancora disponibili

Sono circa 360 milioni di euro le risorse ancora disponibili stanziate per il bando finalizzato al finanziamento degli investimenti nella transizione digitale ed ecologica delle PMI a vocazione internazionale.

L’avviso, prorogato fino ad esaurimento risorse al 31/05/2022, si riferisce alla riapertura del fondo 394, finanziato dall’Unione europea – NextGenerationEU attraverso il Piano Nazionale di Ripresa e Resilienza (PNRR) che ha l’obiettivo di favorire la transizione digitale ed ecologica delle PMI italiane a vocazione internazionale.

Di seguito i dettagli della misura agevolativa:

Il Fondo, gestito da SIMEST in convenzione con il Ministero degli Affari Esteri e della Cooperazione Internazionale (MAECI), prevede un mix di agevolazioni, ossia un contributo in conti interessi agevolato (0,055% tasso attuale e senza garanzia) e un contributo a fondo perduto del:

  • 40% se hanno almeno una sede operativa, attiva da minimo 6 mesi rispetto alla data di presentazione della Domanda, in una delle seguenti regioni: Abruzzo, Basilicata, Calabria, Campania, Molise, Puglia, Sardegna e Sicilia. A queste imprese è altresì riservato il 40% della dotazione complessiva del Fondo, ossia 480 milioni di euro;
  • 25% per le altre PMI.

Ciascuna PMI potrà presentare un’unica domanda.

Di seguito le misure agevolabili con le principali caratteristiche:

  • Partecipazione delle PMI a fiere e mostre internazionali, anche in Italia, e missioni di sistema (anche virtuali) entro 12 mesi dalla stipula del contratto di finanziamento, con spese per un importo non superiore a euro 150.000. Almeno il 30% dell’importo deve riguardare spese digitali connesse alla partecipazione alla fiera/mostra: tale vincolo non si applica nel caso l’evento internazionale riguardi tematiche ecologiche o digitali.
  • Sviluppo del commercio elettronico delle PMI in Paesi esteri (E-commerce) entro 12 mesi dalla stipula del contratto di finanziamento relativo a:
    • la creazione di una nuova Piattaforma propria: max 300.000 euro;
    • il miglioramento di una Piattaforma propria già esistente: max 300.000 euro;
    • l’accesso ad un nuovo spazio o store di una Piattaforma di terzi: max 200.000 euro.
  • Transizione Digitale ed Ecologica delle PMI con vocazione internazionale, strumento per il quale sono eleggibili le società con un fatturato estero pari almeno al 10% dell’ultimo bilancio depositato, o in alternativa almeno il 20% in media negli ultimi due esercizi. I progetti devono essere realizzati entro 24 mesi dalla stipula del contratto di finanziamento, prevedere spese per un importo totale non superiore a 300.000 euro e così ripartite:
    • almeno il 50% per la Transizione Digitale (es. sviluppo digitale dei processi aziendali, spese per investimenti e formazione legate all’industria 4.0, investimenti in attrezzature tecnologiche, programmi informatici e contenuti digitali, etc.);
    • per non più del 50% spese relative a:
  1. investimenti per la sostenibilità in Italia (es. efficientamento energetico);
  2. internazionalizzazione (es. investimenti per singole strutture commerciali);
  3. valutazioni/certificazioni ambientali inerenti il finanziamento.

Per maggiori informazioni potete contattare la vostra territoriale di riferimento.

Print Friendly, PDF & Email

Check Also

Contributo fondo perduto per le PMI danneggiate dalla crisi Ucraina

Il Decreto Aiuti, recentemente convertito nella Legge n. 91 del 15.07.2022, ha istituito per l’anno …