Ultime notizie
Home / News tematiche / Economia e innovazione / Credito d’imposta beni strumentali nuovi – c.d. «Piano Transizione 4.0» – Proroga al 2025

Credito d’imposta beni strumentali nuovi – c.d. «Piano Transizione 4.0» – Proroga al 2025

La Legge di bilancio 2022 ha disposto la proroga al 2025 del credito d’imposta in relazione ai beni materiali e immateriali “4.0”, individuando nuove misure dell’agevolazione.

La proroga non riguarda gli investimenti in beni strumentali “ordinari”, per i quali resta quindi in vigore l’attuale disciplina prevista fino al 2022 (con termine “lungo” del 30 giugno 2023).

Non è stata prevista alcuna modifica alla misura dell’agevolazione con riferimento agli investimenti nei beni materiali “4.0” (allegato A alla L. 232/2016) effettuati dal 1° gennaio 2022 al 31 dicembre 2022 (o nel termine “lungo” del 30 giugno 2023, qualora si versi il 20% dell’acconto entro il 31.12.2022).

Per tali investimenti, tuttavia, è riconosciuto un credito d’imposta inferiore di 10 punti percentuali rispetto all’anno 2021, precisamente:

  • il 40% del costo, per la quota di investimenti fino a 2,5 milioni di euro;
  • il 20% del costo, per la quota di investimenti superiori a 2,5 milioni di euro e fino a 10 milioni di euro;
  • il 10% del costo, per la quota di investimenti superiori a 10 milioni di euro e fino al limite massimo di costi complessivamente ammissibili pari a 20 milioni di euro.

Alle imprese che effettuano investimenti nei beni materiali “4.0” dal 1° gennaio 2023 al 31 dicembre 2025, ovvero nel termine “lungo” del 30 giugno 2026, il credito d’imposta è invece riconosciuto nella misura del:

  • 20% del costo, per la quota di investimenti fino a 2,5 milioni di euro;
  • 10% del costo, per la quota di investimenti superiori a 2,5 milioni di euro e fino a 10 milioni di euro;
  • 5% del costo, per la quota di investimenti superiori a 10 milioni di euro e fino al limite massimo di costi complessivamente ammissibili pari a 20 milioni di euro.

Stando alla formulazione della norma, il limite massimo agli investimenti, pari a 20 milioni di euro, riguarderebbe tutti i costi ammissibili relativamente all’intero periodo 2023-2025, riducendo quindi notevolmente il beneficio.

Con riferimento agli investimenti aventi a oggetto beni immateriali “4.0”, viene prorogata al 2025 la durata dell’agevolazione e, per gli anni successivi al 2022, se ne riduce progressivamente l’entità.

Per gli investimenti aventi a oggetto beni compresi nell’Allegato B alla L. 232/2016 effettuati dal 16 novembre 2020 al 31 dicembre 2023, ovvero nel termine “lungo” del 30 giugno 2024, il credito d’imposta è riconosciuto nella misura del 20% del costo (come già previsto dalla precedente formulazione normativa), ma nel limite massimo “annuale” di costi ammissibili pari a un milione di euro.

Per gli investimenti nei beni immateriali “4.0” effettuati dal 1° gennaio 2024 al 31 dicembre 2024 (ovvero entro il termine “lungo” del 30 giugno 2025), il credito è riconosciuto nella misura del 15% del costo, nel limite massimo di costi ammissibili pari a 1 milione di euro.

Qualora i suddetti investimenti siano effettuati dal 1° gennaio 2025 al 31 dicembre 2025 (ovvero entro il termine “lungo” del 30 giugno 2026 con prenotazione), il credito spetta invece nella misura del 10% del costo, nel limite massimo di costi ammissibili pari a 1 milione di euro.

Per maggiori informazioni potete rivolgervi alla vostra territoriale di riferimento.

Print Friendly, PDF & Email

Check Also

Misure per il sostegno al credito delle imprese

La Legge di bilancio 2022 ha introdotto Importanti disposizioni riguardanti le misure per il sostegno …