Ultime notizie
Home / News tematiche / Economia e innovazione / Crisi Ucraina – Mappatura disponibilità accoglienza profughi

Crisi Ucraina – Mappatura disponibilità accoglienza profughi

Cari Colleghi,
il dramma umanitario che sta colpendo la popolazione ucraina è sempre più devastante e impone di rispondere con azioni concrete. Al riguardo nell’ambito delle attività del Programma Gestione Emergenze (PGE) di Confindustria, intendiamo supportare il Dipartimento della Protezione Civile (DPC) nel pianificare la risposta all’emergenza in corso.

In particolare, intendiamo mappare le disponibilità del nostro Sistema per eventuali iniziative di accoglienza e supporto ai profughi provenienti dall’Ucraina.

La finalità è raccogliere, in vista di un prevedibile aumento dei flussi migratori, elementi utili nell’ambito della risposta modulare che il Dipartimento di Protezione Civile sta preparando in raccordo con Regioni e Prefetture.

Attraverso il questionario – destinato a imprese associate e non – è possibile segnalare la disponibilità di strutture da adibire all’accoglienza, specificando tra abitazioni, stanze in abitazioni occupate, spazi vuoti allestibili (es. magazzini, capannoni), uffici vuoti non in uso. E’ inoltre prevista la possibilità di indicare la disponibilità ad offrire, per un determinato periodo di tempo e con una gestione diretta da parte dell’imprenditore stesso, la sistemazione in strutture ricettive (alberghi, B&B, agriturismi, ….).

Il form è accessibile al seguente link: https://forms.office.com/r/4Mefnmcva1

Le informazioni raccolte avranno una funzione informativa e non sono vincolanti per le imprese, nè garantiscono un successivo contatto da parte degli enti preposti.

Per eventuali informazioni sull’iniziativa potete contattare la vostra territoriale di riferimento.

Grazie per quello che potrete fare.

Un caro saluto
Daniele Diano
(Presidente Piccola Industria – Unindustria Calabria)

Print Friendly, PDF & Email

Check Also

Superbonus e villette, termine per il 30% spostato a settembre

Saranno tre mesi in più, fino al 30 settembre. Non per ultimare i pagamenti ma …