Ultime notizie
Home / News tematiche / Economia e innovazione / Cessione crediti e sconto in fattura, la nuova guida dell’Agenzia delle Entrate

Cessione crediti e sconto in fattura, la nuova guida dell’Agenzia delle Entrate

Pubblicata la nuova Guida all’utilizzo della Piattaforma cessione crediti a cui possono accedere, tramite il sito dell’Agenzia delle Entrate, i cessionari dei crediti “per lavori edilizi” e i fornitori che hanno applicato lo sconto in fattura. La piattaforma consente loro di visualizzare e accettare le transazioni, per poi utilizzarle in compensazione o, eventualmente, per cederle nuovamente.

Come evidenziato nella Guida dell’Agenzia delle Entrate, la piattaforma, coerentemente con le recenti novità normative, distingue i crediti anche in relazione alla natura del soggetto cessionario, rendendo evidente all’utilizzatore se il proprio credito può essere ceduto a chiunque, soltanto a soggetti “qualificati”, o se, al contrario, non è più cedibile.

La Piattaforma per la cessione dei crediti è composta da quattro funzioni:

  • Monitoraggio crediti: consente all’utente di consultare il riepilogo sintetico dei crediti, per tipo di credito e anno di riferimento;
  • Cessione crediti: consente di visualizzare i crediti ricevuti che quindi possono essere accettati ed ulteriormente ceduti in base alle regole di cedibilità (soggetti qualificati o no), che vengono verificate tramite il codice fiscale del cessionario;
  • Accettazione crediti/sconti: permette all’utente di visualizzare i crediti di cui sia cessionario o le comunicazioni in cui risulti come fornitore, per i quali è richiesta l’accettazione o il rifiuto. Con particolare riguardo ai crediti relativi a “bonus edilizi” la Guida ricorda che, in caso di cessione successiva alla prima, il cessionario può procedere all’accettazione o al rifiuto solo decorsi 5 giorni lavorativi dall’inserimento sulla Piattaforma della cessione stessa da parte del cedente.

In caso di rifiuto (ad esempio perché la cessione o i relativi dati sono errati), il credito tornerà invece nella disponibilità del cedente.

Il rifiuto è indispensabile, inoltre, per neutralizzare gli effetti delle opzioni per lo sconto o la prima cessione del credito che sono state comunicate in modo errato.

L’accettazione e il rifiuto non possono essere parziali e sono irreversibili, salvo casi particolari che saranno disciplinati dall’Agenzia con apposite istruzioni, per consentire di revocare la scelta.

  • Lista movimenti: consente all’utente di consultare ed esportare la lista delle comunicazioni di cessione dei crediti in cui risulta come cedente o cessionario e le eventuali operazioni successive intervenute.

La Guida è disponibile presso la sede Territoriale di riferimento.

Print Friendly, PDF & Email

Check Also

Superbonus e villette, termine per il 30% spostato a settembre

Saranno tre mesi in più, fino al 30 settembre. Non per ultimare i pagamenti ma …