Ultime notizie
Home / News / Note stampa / Bonbomi: Governo si assuma la responsabilità di affrontare il taglio delle tasse sul lavoro

Bonbomi: Governo si assuma la responsabilità di affrontare il taglio delle tasse sul lavoro

“Giudichiamo positivo l’intervento sul gas release, così come aver concentrato le risorse disponibili sull’energia. E’ ovvio che non si può intervenire su tutta la bolletta energetica ma va detto che le imprese italiane nel 2019 pagavano 8 miliardi, quest’anno 110 miliardi”.

Bonomi rilanciando la proposta di Confindustria sul cuneo fiscale, ha affermato che “non si vuole affrontare il problema di fondo, il taglio delle tasse sul lavoro. II governo se ne deve assumere la responsabilità”.

E, rispondendo ad una domanda sulla norma contenuta nel DL quater relativa ai fringe benefits esentasse fino a 3mila euro, che le imprese possono concedere ai dipendenti, Bonomi ha detto: “stiamo spostando la palla nel campo delle imprese mettendole in difficoltà. C’è chi potrà dare 3milaeuro, chi solo una parte, chi no. Così si crea un problema di relazioni all’interno delle imprese, di conflittualità nelle relazioni industriali, cosa da evitare in questo momento. Vedremo – ha aggiunto Bonomi –  se nella legge di Bilancio si troveranno risorse per interventi diversi dal taglio delle tasse sul lavoro. Bisogna essere coerenti – ha sottolineato:  se non ci sono risorse per il taglio al cuneo allora non ci dovrà essere un impiego di risorse su altri capitoli di spesa. Sentiamo, ad esempio, che si vuole fare un intervento sulle pensioni: fare un provvedimento come quota 41 o 42 comporta un impiego molto forte. Non solo – ha aggiunto Bonomi – fare una riduzione di imposta su alcuni soggetti, e mi riferisco alla flat tax, richiede risorse: è già costata 2 miliardi quest’anno e si parla di prorogare e addirittura estenderne la platea. Capisco la legittima aspirazione di chi ha vinto le elezioni di voler rispondere alle promesse elettorali, però c’è tempo e modo di farlo”.

Il Presidente ha quindi rilanciato la sua proposta di “riconfigurare il 4 -5% della spesa pubblica che vorrebbe dire avere risorse per il taglio del cuneo fiscale”.

Print Friendly, PDF & Email

Check Also

Il Presidente di Unindustria Calabria esprime preoccupazione per la legge di bilancio 2023

“Esprimo grande preoccupazione a nome degli industriali calabresi, afferma il Presidente di Unindustria Calabria, Aldo …