Ultime notizie
Home / News tematiche / Lavoro, relazioni industriali e welfare / Sintesi ultime agevolazioni in materia di lavoro

Sintesi ultime agevolazioni in materia di lavoro

A seguito delle numerose richieste pervenute in merito alle recentissime novità in materia di riduzioni del costo del lavoro, si propone, di seguito, una guida sintetica delle ultime agevolazioni in materia in fase di progressiva attuazione, anche in relazione all’iter di conversione in legge del cosiddetto Decreto Coesione.

Si sottolinea che, mentre per la decontribuzione SUD, per come già comunicato, risulta già approvata la proroga della fruizione fino al 31/12/2024 con specifica autorizzazione della Commissione UE, per le ulteriori misure è in corso di completamento l’iter finalizzato all’effettiva fruibilità delle stesse, tranne per quelle agevolazioni da tempo esistenti e già operative.

SINTESI ULTIME AGEVOLAZIONI IN MATERIA DI COSTO DEL LAVORO

1) DECONTRIBUZIONE SUD

DURATA

Misura prorogata dal 01/07/2024 sino al 31/12/2024, con decisione della Commissione UE pubblicata il 25/06/2024, per i lavoratori già in forza all’azienda.

MISURA

Riduzione del 30% della contribuzione INPS a carico dei datori di lavoro privati operanti nel Mezzogiorno.

MODALITÀ FRUIZIONE

Restano confermate le modalità di applicazione della Decontribuzione Sud.

2) SUPER DEDUZIONE COSTO DEL LAVORO AL 120%

Con Decreto Interministeriale Economia/Lavoro del 25/06/2024 sono state definite le regole per l’applicazione della cosiddetta super deduzione del costo del lavoro in presenza di nuove assunzioni per come previsto dal D.Lgs.216/2023 di riforma dell’IRPEF e dell’IRES.

MISURA

Il nuovo Decreto prevede che per i titolari di reddito d’impresa e gli esercenti arti e professioni e per il periodo d’imposta successivo al 2023, si potrà procedere alla deduzione maggiorata, ai fini della determinazione del reddito, nella misura:

  • del 120% del costo del personale di nuova assunzione con contratto di lavoro subordinato a tempo indeterminato
  • del 130% in presenza di nuove assunzioni a tempo indeterminato di dipendenti rientranti nelle categorie di lavoratori meritevoli di maggiore tutela (lavoratori svantaggiati e molto svantaggiati; disabili; donne con almeno 2 figli di età minore di 18 anni o prive di un impiego regolarmente retribuito da almeno 6 mesi residenti nel Mezzogiorno; Neet; donne vittime di violenza; ex percettori del reddito di cittadinanza privi dei requisiti per l’accesso all’Assegno di inclusione).

DESTINATARI E REQUISITI

  • L’agevolazione compete alle società di capitali, alle imprese individuali, alle società di persone ed agli esercenti arti e professioni.
  • L’agevolazione spetta a chi abbia esercitato l’attività per 365 giorni prima del periodo d’imposta successivo al 2023.
  • La maggiorazione si applica solo se il numero di lavoratori a tempo indeterminato alla fine del periodo d’imposta successivo al 2023 supera il numero medio di lavoratori a tempo indeterminato dell’anno precedente.
  • Si considerano nuove assunzioni, ai fini dell’incremento, anche le conversioni da contratti a tempo determinato in tempo indeterminato.
  • I rapporti part time sono considerati proporzionalmente all’orario di lavoro applicato.
  • Ai fini dell’incremento non si considerano i lavoratori in distacco mentre si calcolano i lavoratori con contratti di somministrazione proporzionalmente alla durata del rapporto.

ESCLUSIONI E PARTICOLARITÀ

  • Sono escluse le imprese agricole, i datori di lavoro domestico e le imprese in liquidazione ordinaria o sottoposte a procedure di liquidazione giudiziale.
  • La maggiorazione è applicabile agli Enti non commerciali solo per assunzioni di lavoratori a tempo indeterminato impiegati nell’attività commerciale, a condizione di separata evidenza contabile.
  • Per attività con redditi determinati in modo non analitico la maggiorazione non è disponibile per i lavoratori impiegati esclusivamente in tali attività.

3) BONUS GIOVANI UNDER 35

MISURA

Esonero del 100% dei contributi previdenziali (con esclusione di premi e contributi INAIL) per un massimo di 24 mesi e per un importo massimo pari ad euro 500,00 mensili (elevabili ad euro 650,00 per le assunzioni in area ZES) per le nuove assunzioni a tempo indeterminato effettuate nel periodo compreso tra il 01/09/2024 ed il 31/12/2025.

REQUISITI

Assunzioni stabili di giovani che:

  • non abbiano compiuto il 35° anno di età;
  • non siano stati mai occupati a tempo indeterminato.

La fruizione dell’esonero è ammessa anche con riferimento a giovani che, alla data dell’assunzione incentivata, siano stati occupati a tempo indeterminato alle dipendenze di altro datore di lavoro che abbia beneficiato solo parzialmente dell’esonero in trattazione.

Sono oggetto di agevolazione anche le trasformazioni di contratti di lavoro subordinato a tempo determinato in contratti stabili a tempo indeterminato.

Non potranno beneficiare dell’esonero i rapporti di lavoro domestico e i rapporti di apprendistato.

PARTICOLARITÀ

L’esonero può essere fruito dai datori che nei sei mesi precedenti all’assunzione, non abbiano proceduto a licenziamenti individuali per giustificato motivo oggettivo, licenziamenti collettivi o che non recedano, nei sei mesi successivi all’assunzione, per giustificato motivo oggettivo nella medesima unità produttiva.

Ulteriormente l’agevolazione è sempre subordinata al possesso dei requisiti di legge per la fruizione di qualsiasi sgravio in materia di lavoro (DURC regolare, rispetto contratti collettivi, obblighi normativi in materia di collocamento obbligatorio, sicurezza sul lavoro, diritto di precedenza, ecc.).

L’effettiva applicabilità della misura è subordinata alla specifica autorizzazione della Commissione UE, in corso di definizione, ed alle successive istruzioni ed indicazioni operative che saranno di conseguenza fornite.

4) BONUS DONNE

MISURA

Esonero contributivo del 100% dei contributi previdenziali a carico dei datori di lavoro con un tetto di euro 650,00 mensili e per un massimo di 24 mesi per ciascuna lavoratrice assunta a tempo indeterminato effettuate nel periodo compreso tra il 01/09/2024 ed il 31/12/2025.

REQUISITI

Il bonus si applica alle donne di qualsiasi età rientranti nella categoria “svantaggiata” (cioè: donne di qualsiasi età, prive di un impiego regolarmente retribuito da almeno 6 mesi, residenti nelle regioni della ZES Mezzogiorno; donne di qualsiasi età prive di un impiego regolarmente retribuito da almeno 24 mesi, ovunque residenti).

L’effettiva applicabilità della misura è subordinata alla specifica autorizzazione della Commissione UE, in corso di definizione, ed alle successive istruzioni ed indicazioni operative che saranno di conseguenza fornite.

5) BONUS ASSUNZIONE ZES

MISURA

Esonero contributivo del 100% dei contributi previdenziali a carico dei datori di lavoro con un tetto di euro 650,00 mensili e per un massimo di 24 mesi per ciascun lavoratore assunto da parte dei datori di lavoro privati nel periodo compreso tra il 01/09/2024 ed il 31/12/2025.

REQUISITI

Datori di lavoro che occupano fino a 10 dipendenti e che siano ubicati nella ZES unica del Mezzogiorno.

L’effettiva applicabilità della misura è subordinata alla specifica autorizzazione della Commissione UE, in corso di definizione, ed alle successive istruzioni ed indicazioni operative che saranno di conseguenza fornite.

6) BONUS AUTOIMPIEGO – SETTORI STRATEGICI

MISURA

Incentivo ai disoccupati con meno di 35 anni che tra il 01/07/2024 ed il 31/12/2025 avviino sul territorio nazionale un’attività imprenditoriale nei settori strategici per lo sviluppo di nuove tecnologie e la transizione digitale ed ecologica.

L’agevolazione consiste nell’esonero dal versamento del 100% dei contributi previdenziali a carico dei datori di lavoro privati, nel limite di euro 800,00 mensili per ciascun lavoratore con meno di 35 anni (con esclusione di premi e contributi Inail) assunto a tempo indeterminato nel periodo.

REQUISITI

L’esonero dura per un massimo di 3 anni (non oltre il 31/12/2028) e non si applica ai rapporti di lavoro domestico e di apprendistato.

Le stesse imprese potranno anche richiedere all’Inps un contributo per l’attività, che non concorre alla formazione del reddito, per l’importo di euro 500,00 mensili per un massimo di 3 anni (sempre fino al 31/12/2028).

L’effettiva applicabilità della misura è subordinata al completamento dello specifico iter autorizzativo, in corso di definizione, ed alle successive istruzioni ed indicazioni operative che saranno di conseguenza fornite.

7) ALTRE AGEVOLAZIONI GIA’ IN VIGORE

Assunzioni di under 30, assunzioni di donne con sgravio al 50%, assunzioni di over 50, contratti di apprendistato ed assunzioni avvenute dal 1° gennaio 2023 al 30 giugno 2024 di percettori di reddito di cittadinanza (di recente l’Inps ha dettato le ulteriori istruzioni).

In merito alla programmazione ed all’utilizzo anche degli altri strumenti agevolativi e di riduzione del costo del lavoro già ora in vigore applicabili in base alle esigenze di ciascuna azienda, gli uffici della sede Territoriale di riferimento sono a disposizione per ogni supporto e necessità.

Print Friendly, PDF & Email

Check Also

Ministero del Lavoro: rapporto biennale (aziende con più di 50 dipendenti) pari opportunità entro il 15 luglio 2024 – Decreto Interministeriale 3 giugno 2024

Si informa che il Ministero del Lavoro di concerto con il Ministero per la Famiglia, …