Ultime notizie
Home / Tematiche / Edilizia e territorio / Urbanizzazioni, niente deroghe alle gare se l’importo totale supera le soglie UE

Urbanizzazioni, niente deroghe alle gare se l’importo totale supera le soglie UE

Il Consiglio di Stato ribadisce la linea dura sull’obbligo di gara per l’assegnazione dei lavori di urbanizzazione eseguiti a scomputo degli oneri dovuti dalle imprese titolari di un permesso di costruire.

Per i giudici di Palazzo Spada, per utilizzare la deroga prevista dal Testo unico edilizia che consente di bypassare la gara pubblica è necessario che l’importo dei lavori di urbanizzazione – considerati alla stregua di un’opera unitaria a prescindere da ogni eventuale suddivisione- sia sempre inferiore alle soglie Ue di 5,5 milioni.

Senza possibilità di frazionare gli interventi per tipologia o lotti. La precisazione è contenuta nel parere che il Consiglio di Stato ha recentemente rilasciato in relazione all’aggiornamento delle linee guida Anac sugli appalti sottosoglia. Infine, i giudici danno l’ok all’innalzamento della soglia (da mille a cinquemila euro) al di sotto della quale è possibile derogare al principio di rotazione degli appalti, dandone una sintetica motivazione nella delibera a contrarre.

Print Friendly, PDF & Email

Check Also

Decreto Crescita in Gazzetta, in vigore sgravi e incentivi per le imprese

Con l’entrata in vigore del Decreto Crescita – a partire dal 30 giugno 2019 (il …