Ultime notizie
Home / Tematiche / Ambiente e energia / End of waste: nuovi criteri per cessazione qualifica di rifiuto di plastiche eterogenee, SAP e Cellulosa da assorbenti

End of waste: nuovi criteri per cessazione qualifica di rifiuto di plastiche eterogenee, SAP e Cellulosa da assorbenti

Informiamo che è stato pubblicato il regolamento che stabilisce i criteri specifici nel rispetto dei quali le plastiche eterogenee a base di poliolefine, il SAP e la cellulosa derivanti dal recupero di rifiuti di prodotti assorbenti per la persona (PAP), cessano di essere qualificati come rifiuto.

Di seguito i punti principali contenuti nel Decreto:

  • i materiali derivanti dal recupero dei prodotti assorbenti per la persona (PAP) cessano di essere qualificati come rifiuto e sono qualificati come plastiche eterogenee a base di poliolefine, SAP ovvero cellulosa, ad alto o a basso contenuto di SAP, se risultano conformi ai requisiti tecnici generali di cui alla vigente normativa e ai rispettivi requisiti tecnici specifici di cui agli allegati 2, 3 e 4 del nuovo regolamento , il cui rispetto è attestato dal produttore tramite dichiarazione sostitutiva di atto di notorietà;
  • le plastiche eterogenee a base di poliolefine, il SAP e la cellulosa ad alto o a basso contenuto di SAP, sono utilizzabili esclusivamente per i rispettivi scopi specifici elencati  dal  nuovo regolamento per ciascun materiale;
  • per consentire la verifica del rispetto dei criteri tecnici, il produttore deve conservare, per cinque anni, un campione di materiale riciclato prelevato da ciascun lotto. Sono esentate dalla conservazione dei campioni le imprese registrate ai sensi del regolamento EMAS o in possesso della certificazione ambientale UNI EN ISO 14001;
  • per quel che riguarda il regime transitorio, il produttore, entro 120 giorni dal 23 luglio 2019 (ovvero la data di entrata in vigore dello stesso), presenta all’autorità competente un aggiornamento della comunicazione effettuata ai sensi della vigente normativa  o un’istanza di aggiornamento dell’autorizzazione ai sensi sempre della vigente normativa del T.U. Ambiente.

Per ogni necessità è possibile rivolgersi agli uffici della Confindustria Territoriale di riferimento.

Print Friendly, PDF & Email

Check Also

Ambiente e TARI: il termine non slitta al 31 dicembre 2019

La proroga al 31 dicembre 2019 del termine per la presentazione delle dichiarazioni dei tributi …