Ultime notizie
Home / News tematiche / Economia e innovazione / Certificazione di genere – Avviso pubblico per la concessione di contributi alle micro, piccole e medie imprese

Certificazione di genere – Avviso pubblico per la concessione di contributi alle micro, piccole e medie imprese

Si informano le aziende associate che è stato pubblicato nel sito del Dipartimento Pari Opportunità l’Avviso pubblico per la concessione di contributi alle micro, piccole e medie imprese per servizi di assistenza tecnica e accompagnamento in forma di voucher e per servizi di certificazione della Parità di Genere UNI/Pdr 125:2022.- PNRR, Missione 5, Componente 1, Investimento 1.3 (“Sistema di certificazione della parità di genere”).

Con l’Avviso appena pubblicato, sono stati definiti i criteri e le modalità applicative per l’accesso ad una prima tranche di contributi pari a 4 milioni di euro, dei quali 1,25 milioni di euro per contributi sotto forma di voucher per servizi di assistenza tecnica e accompagnamento  alla certificazione e 2,75 milioni di euro sotto forma di servizi di certificazione.

I contributi verranno concessi con procedura valutativa con procedimento a sportello (seguendo l’ordine cronologico di presentazione della domanda) a partire dalle ore 10:00 del 6 dicembre 2023 alle ore 16:00 del 28 marzo 2024. Saranno escluse le domande inviate prima e dopo tali termini.

Il termine di chiusura dell’Avviso potrà essere anticipato per esaurimento dei fondi disponibili.

Beneficiari

Possono beneficiare dei contributi per i servizi le imprese che alla data di presentazione della domanda, presentino i seguenti requisiti:

  1. a) siano Micro, Piccole o Medie imprese come definite dall’Allegato 1 del Regolamento (UE) n. 651/2014;
  2. b) abbiano in pianta organica almeno un (1) dipendente;
  3. c) abbiano sede legale e operativa in Italia;
  4. d) siano regolarmente costituite, iscritte nel Registro delle Imprese e attive (non è sufficiente la mera iscrizione al REA);
  5. e) siano nel pieno e libero esercizio dei propri diritti, non essendo sottoposte a procedura concorsuale, di liquidazione coatta o volontaria, di amministrazione controllata, di concordato preventivo (ad eccezione del concordato preventivo con continuità aziendale) o in qualsiasi altra situazione equivalente secondo la normativa vigente;
  6. f) non abbiano nei propri confronti cause di divieto, di decadenza o di sospensione di cui all’art. 67 della vigente normativa antimafia (D. Lgs. n. 159/2011);
  7. g) siano in regola con l’assolvimento degli obblighi contributivi attestati dal DURC;
  8. h) non abbiano procedimenti amministrativi in corso connessi ad atti di revoca per indebita percezione di risorse pubbliche;
  9. i) siano in regola con l’adempimento previsto dall’art. 46 del d. Lgs. 11 aprile 2006, n. 198 (“Rapporto periodico sulla situazione del personale maschile e femminile”) per le sole imprese che occupano più di 50 dipendenti;
  10. j) siano in regola con le assunzioni previste dalla Legge 12 marzo 1999, n. 68 (“Norme per il diritto al lavoro dei disabili”);
  11. k) non svolgano attività descritte nell’Allegato 1 dell’Avviso (attività connesse ai combustibili fossili; attività nell’ambito del sistema di scambio di quote di emissione della UE (ETS); attività connesse alle discariche di rifiuti; attività in cui lo smaltimento a lungo termine dei rifiuti può causare danni all’ambiente);
  12. l) abbiano concluso positivamente il pre-screening (autovalutazione) attraverso l’apposito test gestito dal Soggetto Attuatore e pubblicato sul sito https://certificazioneparitadigenere.unioncamere.gov.it/https://certificazioneparitadigenere.unioncamere.gov.it/.

Ogni impresa può essere beneficiaria delle agevolazioni (per ciascuna tipologia di servizi) una sola volta.

Soggetto attuatore

Soggetto attuatore dell’Avviso è Unioncamere, in virtù dell’Accordo firmato tra Dipartimento per le Pari Opportunità e Unioncamere il 15 settembre 2022.

L’Avviso è diretto ad erogare:

  • contributi per servizi di assistenza tecnica e accompagnamento sotto forma di voucher (1.639,34 al netto di IVA per l’analisi dei processi, per individuare i gap esistenti tra lo stato attuale e i requisiti richiesti dalla UNI/PdR 125:2022, per la personalizzazione di documenti/strumenti del Sistema di Gestione della Parità di Genere resi disponibili dal Soggetto Attuatore, per l’implementazione del Sistema di gestione per la parità di genere, per il monitoraggio degli indicatori di performance e la definizione degli obiettivi strategici. Per tali attività sono previste fino a 4 giornate di assistenza; 409,84 al netto di IVA per la pre-verifica della conformità del Sistema di Gestione adottato dall’impresa alle prescrizioni della prassi della UNI/PdR 125:2022. Per tale attività è prevista 1 giornata di assistenza);
  • contributi per i servizi di certificazione della parità di genere in conformità alla UNI/PdR 125/2022 da parte degli Organismi di Certificazione (OdC) iscritti nell’apposito Elenco, di cui all’Avviso 14 febbraio 2023, suddivisi per soglie dimensionali delle imprese (1.800 Euro per imprese 1-5 dipendenti; 2.400 Euro  per imprese 6-10 dipendenti; 3.000 per imprese 11-15 dipendenti; 3.600 per imprese 16-25 dipendenti; 4.800 per imprese 26-45 dipendenti; 6.000 per imprese 46-65 dipendenti; 7.200 per imprese 66-85 dipendenti; 8.400 per imprese 86-125 dipendenti; 9.600 per  imprese 126-175 dipendenti ; fino a 10.246 per imprese 176-249 dipendenti: tutti i montanti sono al netto di IVA) .

Contributi – cumulabilità

I contributi per i servizi di assistenza tecnica e di accompagnamento e per i servizi di certificazione della parità di genere ricadono nella disciplina in materia di aiuti di Stato: i contributi erogati ai sensi dell’Avviso in commento non sono cumulabili, sugli stessi costi ammissibili, con altri aiuti di Stato o con aiuti de minimis.

Per maggiori informazioni potete consultare il sito https://certificazione.pariopportunita.gov.it/public/contributi  e/o contattare la vostra Associazione territoriale di riferimento.

Print Friendly, PDF & Email

Check Also

Assicurazione obbligatoria per le imprese entro il 31 dicembre 2024 contro i danni da calamità naturali ed eventi catastrofali

L’art. 1 – commi da 101 a 111 – della Legge di Bilancio 2024 (Legge …