Ultime notizie
Home / News tematiche / Lavoro, relazioni industriali e welfare / Aziende spettacolo e cinematografiche: obbligo di certificazione retribuzione giornaliera e contributi versati

Aziende spettacolo e cinematografiche: obbligo di certificazione retribuzione giornaliera e contributi versati

A far data dal 1° luglio 2021 le aziende dello spettacolo e cinematografiche sono tenute obbligatoriamente a rilasciare la certificazione della retribuzione giornaliera corrisposta e i contributi versati ai lavoratori pena una sanzione amministrativa fino a 10.000 euro e l’impossibilità di usufruire delle sovvenzioni, benefici, contributi o agevolazioni anche tributarie per l’anno successivo. Questo è quanto stabilito da una norma del decreto sostegni bis.

Le attività cui fa riferimento tale provvedimento sono le seguenti

  1. artisti lirici;
  2. attori di prosa, operetta, rivista, varietà ed attrazioni;
  3. attori e generici cinematografici, attori di doppiaggio cinematografico;
  4. registi teatrali e cinematografici, aiuto registi;
  5. direttori, ispettori, segretari di produzione cinematografica, cassieri;
  6. direttori di scena e di doppiaggio;
  7. direttori d’orchestre e sostituti;
  8. concertisti e professori d’orchestra;
  9. tersicorei, coristi, ballerini e figuranti;
  10. amministratori di formazioni artistiche;
  11. tecnici del montaggio, del suono, dello sviluppo e stampa;
  12. operatori di ripresa cinematografica, aiuto operatori e maestranze cinematografiche, teatrali e della Radio audizioni Italia;
  13. arredatori, architetti, scenografi, figurinisti teatrali e cinematografici;
  14. truccatori e parrucchieri;
  15. macchinisti pontaroli, elettricisti, attrezzisti, falegnami e tappezzieri;
  16. sarti;
  17. pittori, stuccatori e formatori;
  18. artieri ippici;
  19. operatori di cabine, di sale cinematografiche.

Pertanto, dal 1° luglio 2021 tutti i lavoratori che appartengono alle categorie sopra indicate dovranno ricevere la certificazione della retribuzione giornaliera e dei contributi versati dal datore di lavoro, a prescindere al tipo di rapporto di lavoro, autonomo o dipendente (a tempo determinato o indeterminato).

Il nuovo adempimento è riferito ai lavoratori vecchi iscritti al fondo ex Enpals.

Per ogni chiarimento è possibile rivolgersi agli uffici della sede Territoriale di riferimento.

Print Friendly, PDF & Email

Check Also

Trattamento di fine rapporto: indici di rivalutazione luglio 2021

A luglio 2021, in base ai nuovi sistemi di calcolo introdotti dall’Istat, l’indice in base …