Ultime notizie
Home / Tematiche / Ambiente e energia / Rifiuti: abrogato il SISTRI

Rifiuti: abrogato il SISTRI

Dal 1° gennaio 2019 è soppresso il sistema di tracciabilità dei rifiuti SISTRI e, conseguentemente, non sarà più dovuto il relativo contributo annuale: è quanto dispone un recente decreto legge del Governo, all’interno del provvedimento sulle semplificazioni.

Viene, inoltre, previsto che fino alla piena operatività di un nuovo sistema – che sarà gestito direttamente dal Ministero dell’Ambiente – gli operatori devono continuare ad assicurare la tracciabilità dei rifiuti attraverso gli adempimenti “tradizionali”, ossia registro di carico e scarico, formulario dei rifiuti e dichiarazione annuale MUD (per chi è obbligato), come disciplinati dalla normativa precedente alle modifiche introdotte dal 2010 in poi.

La soppressione del Sistri, introdotto nove anni fa e mai entrato pienamente in vigore, era da tempo auspicata da Confindustria e da Ance con iniziative costanti in questo senso nell’interesse dell’intero comparto industriale, consapevoli della eccessiva complessità ed onerosità di questo sistema per le imprese in assenza di un vero e proprio beneficio in termini ambientali.

Per quanto riguarda tutte le problematiche inerenti alle quote annuali ed i costi vari sostenuti in precedenza, restituzioni black box, restituzioni chiavette, gli uffici della sede Territoriale di riferimento sono a disposizione per ogni informazione a riguardo.

Print Friendly, PDF & Email

Check Also

Albo gestori ambientali: chiarimenti su su RT (bonifica amianto) e Categoria 1

Il Comitato Nazionale dell’Albo Gestori Ambientali ha ritenuto opportuno fornire i seguenti due chiarimenti :