Ultime notizie
Home / Tematiche / Edilizia e territorio / ANAC pubblica un nuovo regolamento per il precontenzioso

ANAC pubblica un nuovo regolamento per il precontenzioso

Pubblicato in Gazzetta Ufficiale il nuovo “Regolamento in materia di pareri di precontenzioso”.

Il nuovo Regolamento entrerà in vigore il prossimo 10 febbraio e si applicherà:

  • alle istanze inoltrate dopo la sua entrata in vigore;
  • nonché alle istanze inoltrate prima della sua entrata in vigore per le quali non sia stato ancora avviato il relativo procedimento.

Quando l’istanza è presentata singolarmente dalla stazione appaltante o da una parte interessata, il parere è da intendersi non vincolante; se congiunta, invece, il parere è vincolante per le parti che vi hanno acconsentito. In ogni caso, qualora l’istante abbia manifestato la volontà di attenersi a quanto stabilito nel parere, le altre parti possono aderirvi entro 10 giorni dalla ricezione della comunicazione che le informa dell’avvenuta presentazione dell’istanza, tramite comunicazione del proprio assenso all’Autorità. In tal caso, quindi, il parere acquisisce efficacia vincolante anche per tali parti. L’istanza deve essere redatta utilizzando il modulo allegato al Regolamento, e trasmessa tramite posta elettronica certificata, unitamente a una eventuale memoria e alla documentazione ritenuta utile. Nel caso in cui la comunicazione risulti non completa, l’Autorità invita la parte ad integrarla entro il termine perentorio di 5 giorni, scaduto il quale l’istanza diventa improcedibile. Si evidenzia che il modulo per la presentazione di istanza di parere deve essere trasmesso, unitamente agli allegati, attraverso un’unica comunicazione PEC indirizzata alla casella protocollo@pec.anticorruzione.it. Il modulo deve essere inviato esclusivamente in originale digitale, sottoscritto con firma digitale da parte dell’istante. Anche gli allegati, comprese le memorie, dovranno essere presentati in formato digitale.

Viene confermato l’ordine di priorità nella trattazione delle istanze:

  1. con manifestazione di volontà di due o più parti di attenersi a quanto stabilito nel parere;
  2. presentate dalla stazione appaltante;
  3. che sottopongono questioni originali o di particolare impatto per il settore dei contratti pubblici;
  4. concernenti appalti di importo superiore alla soglia comunitaria;
  5. concernenti appalti di importo superiore a 40.000 euro.

Il procedimento di vigilanza in materia di contratti di lavori, servizi e forniture può non essere avviato in caso di pendenza di un procedimento di precontenzioso avente il medesimo oggetto, ovvero può essere sospeso in caso di sopravvenuta richiesta di parere di precontenzioso avente il medesimo oggetto.

Viene, inoltre, sancito il cosiddetto principio dell’inammissibilità dell’istanza di precontenzioso tardiva ossia la possibilità di presentare istanza di parere di precontenzioso una volta decorsi i termini di impugnazione, in sede giurisdizionale, dell’atto della procedura di gara autonomamente impugnabile.

Coerentemente con tale novità, il nuovo regolamento non consente più nemmeno la possibilità di presentare istanza di riesame relativamente ad una questione controversa già definita con parere di precontenzioso ovvero per la quale sia stata disposta l’archiviazione.

Inoltre è prevista l’improcedibilità delle istanze in caso di mancata comunicazione della stessa a tutti i soggetti interessati alla soluzione della questione controversa.

Viene confermata la possibilità di rendere un parere non vincolante con procedura semplificata, nel caso in cui la questione appaia di pacifica soluzione. Tuttavia, tale possibilità viene limitata ai casi in cui l’istanza verta su una gara il cui valore sia inferiore alla soglia di rilevanza comunitaria per servizi e forniture ed inferiore ad un milione di euro per i lavori.

Sono, infine, soggette a tale procedura, indipendentemente dalla soglia di valore, anche le istanze aventi ad oggetto le valutazioni che la stazione appaltante svolge nell’esercizio della propria discrezionalità tecnica, con specifico riferimento agli eventuali profili di manifesta illogicità, irrazionalità, irragionevolezza, arbitrarietà ovvero di palese e manifesto travisamento dei fatti.

Print Friendly, PDF & Email

Check Also

Consiglio di Stato: la certificazione di qualità può essere dimostrata anche al di fuori dell’attestato SOA

Il possesso della certificazione di qualità può essere dimostrato anche se non risulta dall’attestazione SOA, …