Ultime notizie
Home / News / Documenti / Dal Centro Studi Confindustria 10 domande (e risposte) sui “MiniBOT”

Dal Centro Studi Confindustria 10 domande (e risposte) sui “MiniBOT”

La nuova analisi della serie “Note CSC” solleva dieci domande sui MiniBOT e risponde a ciascuna di esse.

La valutazione complessiva è che appare molto improbabile che i nuovi titoli di Stato di piccolo taglio, chiamati MiniBOT, citati nella mozione parlamentare del 28 maggio scorso per ridurre i debiti commerciali del settore pubblico nei confronti delle aziende fornitrici, possano risultare utili.

Grazie agli sforzi degli ultimi anni, lo stock di debiti commerciali della pubblica amministrazione si è molto ridotto (anche se resta il più ampio in Europa) e i tempi di pagamento sono stati accorciati (ma non in modo omogeneo in tutte le aree del Paese). Ciò di cui c’è ancora bisogno è di accrescere l’efficacia della PA. Inoltre, le imprese italiane – in media – non soffrono oggi di una crisi di liquidità, come nel 2012, quando Confindustria chiese con urgenza misure straordinarie per pagare i debiti commerciali accumulati dalla PA.

L’introduzione dei MiniBOT per pagare i debiti commerciali alle imprese farebbe crescere il livello del debito pubblico in Italia, proprio mentre la Commissione europea ritiene giustificata l’apertura di una procedura per disavanzi eccessivi perché il debito non sta scendendo a sufficienza. Ciò rischia quindi di avere ripercussioni sui mercati finanziari, in termini di rendimenti ancora più elevati sui titoli sovrani. L’Italia ha bisogno, invece, di una strategia credibile di medio termine per ridurre i tassi di interesse e innalzare la crescita economica.

Note CSC – MiniBOT

Print Friendly, PDF & Email

Check Also

Perché frenano gli investimenti privati in Italia? L’analisi del Centro Studi Confindustria

Gli investimenti in Italia avevano ripreso ad aumentare da inizio 2015. Il recupero, fino all’inizio del …